Famiglia tuttofare in viaggio

Australia fai da te: consigli di viaggio

Organizzare un on the road per l’Australia non è stato facile, le distanze di questo immenso continente, la voglia di vedere il più possibile, hanno messo a dura prova la nostra capacità di coordinare tutto l’itinerario al meglio, ma l’efficienza dei suoi abitanti ha permesso di ottimizzare i tempi e di non avere nessun intoppo nel tragitto.

Pinnacles Desert

Noi cercheremo di portarvi in Australia con noi, cercheremo di “farvi vedere” quello che abbiamo visto dandovi qualche consiglio utile per intraprendere un viaggio in questo magnifico ed immenso paese, limitando i costi.

Nel gennaio 2017 abbiamo trovato un’offerta con Qatar Airways, bimbi gratis, che ci ha permesso di viaggiare da Milano a Perth e viceversa risparmiando il 50% delle tariffe abituali.

Primi suggerimenti, monitorate già da dicembre i voli sulle principali compagnie aeree, iscrivetevi alle newsletter  per ricevere le promozioni, scegliete un volo con non troppi scali perché il viaggio è lungo, (per noi solo 20 ore), ma può diventare eterno!

Preso il volo intercontinentale, pianificate il percorso e decidete cosa visitare, noi per riuscire a vedere il più possibile abbiamo scelto di acquistare anche un volo interno, un Perth Adelaide a/r, costa sulle 200 euro.

Australia viaggio itinerante

Tramonto nell’outback australiano

 

Il nostro percorso può essere diviso in tre tappe principali:

  • Perth e dintorni con risalita verso nord fino alla splendida Monkey Mia
  • Kangaroo Island
  • L’outback australiano fino a Uluru.

Prima di avventurarci nel nostro viaggio partiamo con qualche informazione pratica.

VISTO

Per entrare in Australia occorre il visto, eVisitor se partite per turismo e rimanete per meno di tre mesi consecutivi, può essere fatto da soli on line, richiede 10 minuti circa e nel giro di poco tempo, noi dopo un’oretta, arriva tutto per email. Stampate il visto e portatelo dietro, a noi al check in a Milano l’hanno richiesto. Occhio a completare correttamente il foglio di ingresso e a dichiarare tutto quando entrate in Australia, i famosi controlli alla dogana in effetti esistono,con tanto di cani fra i bagagli. Meglio un sì e un controllo in più che multe salate. Noi per sicurezza abbiamo per esempio dichiarato i farmaci, un’ annusatina dei cani su di noi e i bagagli e siamo usciti, niente di particolare. La Quarantena poi vale da Stato a Stato australiano, perciò occhio a non portare frutta e verdura anche fra due Stati diversi.

 

 AUTO O CAMPER

In primis ricordatevi che la guida è a destra, basta veramente un’oretta per ambientarsi alla nuova guida, agevolati anche dal cambio automatico.

Esistono tantissime compagnie di noleggio in Australia, tutte offrono piu’ o meno lo stesso prezzo, sia che ci si appoggi ad un broker sia che si vada direttamente sul sito dell’agenzia di noleggio, fate solo molta attenzione alle coperture assicurative incluse e non, in quanto soprattutto quando si viaggia nell’outback, su strada comunque asfaltata, non è così difficile forare una gomma, rompere il parabrezza, a causa di piccole pietre o caso estremo ,ma non improbabile, investire un animale selvatico, nel tragitto se ne trovano veramente tanti a bordo strada.

Al momento del ritiro del vostro camper/vettura ricordatevi di controllare e far subito presente all’operatore eventuali righe o bolli presenti e non sottovalutate il controllo dei pneumatici, potrebbe anche capitarvi di noleggiare una vettura con una o più gomme non idonee perché troppo consumate. Fatelo subito presente e rifiutatevi di ritirare il mezzo (cosa successa a noi). Se affittate un van come noi  nel loro inverno, mi raccomando fatevi consegnare coperte pesanti e stufetta per riscaldare, la notte fa veramente fresco.

Serve la patente internazionale? Sì, a noi l’hanno richiesta per il noleggio Van.

BENZINA:

Non spaventatevi dal fatto che la vostra vettura noleggiata è a benzina e con una grossa cilindrata, lì la benzina  costa molto meno che da noi, quindi noi facevamo un pieno con una vettura di grandi dimensioni con circa 35,00 euro.

Dato che le distanze tra i vari luoghi da visitare sono notevoli, noi prima di intraprendere il viaggio ci siamo documentati, in base al nostro itinerario, sulla dislocazione di tutti i distributori di benzina, questo ci ha permesso di poter ben calcolare le distanze e i rifornimenti necessari. Noi personalmente facevamo benzina ogni 250 km.

 

MANGIARE

Mangiare in Australia non è economico, rispetto all’Italia se si va a mangiare al classico ristorante si spende qualcosa di più.

Noi perciò abbiamo adottato il metodo pranzo fai da te con verdure, frutta fresca comprando al supermercato, a cene in tavole calde. Il maggior risparmio l’abbiamo avuto con il van che ci permetteva di cucinare una pasta o verdure con contorno risparmiando un 70 % su costo che avremmo affrontato al ristorante.

SOLDI

Noi ci siamo portati dall’Italia circa 1000 dollari australiani in contanti e poi abbiamo usato sempre la carta di credito, calcolate che spesso serve per le cauzioni in hotel o per i noleggi, noi perciò vi consigliamo sempre di averne due.

La carta di credito è sicuramente il mezzo migliore per pagare ogni spesa, tutte ben accette tranne a volte l’American Express, quindi se avete solo quella vi consiglio di farne un’altra da usare in caso di emergenza.

ORARI

E’ molto importante sapere che in Australia quasi tutti gli esercizi chiudono molto presto rispetto a noi, alle 17,00 in pratica tutti i negozi sono chiusi, anche in alcuni hotel/motel la reception chiude alle 18,00, a noi e’ successo un  paio di volte di arrivare dopo l’orario e trovare chiuso, però, dato che sono molto organizzati ed efficienti, abbiamo trovato la nostra prenotazione con relativa chiave della stanza che ci aspettava nella cassetta di sicurezza.

Lo stesso vale anche per i campgrounds (i nostri campeggi), quindi bisogna calcolare bene i tempi di arrivo per non rischiare di non pernottare (dato le distanze considerevoli bisogna calcolare molto bene i tempi).

DORMIRE

Trovare da dormire non è difficile, ovunque si trovano hotel, motel o stanze in affitto, per soddisfare ogni tipo di esigenza economica.

Se la vostra stanza non vi piace o non la trovate particolarmente pulita non fatevi nessun problema a farlo presente, dato che a noi e’ capitato e ci hanno prontamente sostituito la stanza (con una di livello superiore senza chiederci nessun costo aggiuntivo).

Kangaroo Island
Kl Caravan Park and Wildlife Reserve

CLIMA

Shell Beach

Il clima è particolarmente variabile, specialmente se come noi decidete di andare quando in Australia è inverno. Noi passavamo dai 20/22 gradi di giorno, anche a 0/1 grado di notte, quindi non dimenticatevi in questo caso di mettere in valigia anche abiti pesanti per la notte. Se poi non bastasse non vi preoccupate, accendete il condizionatore in modalità riscaldamento e il problema è risolto.

Il classico vestiario a cipolla è l’ideale, nei mesi di luglio, agosto, portatevi giacchetta, pantaloni lunghi, felpa, ma anche magliette e pantaloncini, la zona a sud sarà freddina, ma salendo a nord la temperatura salirà.

Tenete anche presente che nel loro inverno (la nostra estate) le giornate sono più corte e già verso le 17 /17.30 sarà buio, buio pesto perché fuori dalle città non ci sono lampioni e pochissime case, occhio agli animali!

Kalbarri National Park

DI TUTTO UN PO’

Corrente elettrica:  noi abbiamo comprato un piccolo adattatore al quale collegavamo la nostra classica “ciabatta” italiana e con quella ricaricavamo tutto.

Sicurezza stradale: prestate veramente  moltissima attenzione quando percorrete la strada nell’outback, il vento in alcune zone soffia molto forte facendo sbandare notevolmente le vetture,  quando poi si incrociano i road trains che vanno a velocità sostenuta, ecco che il “pericolo” aumenta, senza dimenticare dall’imbrunire la possibilità che un canguro, cammello o emù salti fuori all’improvviso dal ciglio strada.

L’outback si può assolutamente attraversare, in rete non avevamo trovate molte informazioni, ma la traversata Adelaide Ayers Rock è stata una delle parti più emozionanti e spirituali (non perdetevi il prossimo articolo) del nostro viaggio e ogni 100- 150 km si incontrano lungo il percorso aree di sosta attrezzate.

Telefonate: noi abbiamo usato la connessione gratuita degli hotel, campeggi, bar o musei e chiamato in Italia tramite Whatsapp.

Nel nostro tragitto non abbiamo mai trovato autostrade a pagamento.

Animali: Australia e gli animali più velenosi al Mondo, beh un po’ di ansia ti viene eh?! Diciamo che con le dovute normali precauzioni, ragni o serpenti non è che si vedono ovunque. Occhio sempre a dove si mettono piedi e mani, controllate le scarpe prima di metterle e scarpe alte nei trekking.

Shell Beach

Per notizie più generali, su come si organizza un on the road, non perdetevi questo POST

Seguiteci qui o sulla nostra pagina Facebook per non perdere i nostri viaggi!

Francesca & Paolo

Kalbarri N.P

 

 

 

 

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: