Famiglia tuttofare in viaggio

Canada Orientale in 17 giorni: l’itinerario

Nel nostro primo articolo, Come organizzare un viaggio in Canada,  abbiamo cercato di fare una mini guida per aiutarvi a costruire il vostro viaggio in questo bellissimo Stato. Oggi volevamo invece parlarvi del nostro itinerario nel Canada orientale, darvi suggerimenti su dove dormire e consigli utili e pratici.

 

Canada Orientale

 

Il nostro tour nel Canada orientale è stato un on the road di 17 giorni fra Ontario e Quebec con due bimbi di 5 e quasi 8 anni.

Il Canada Orientale è una meta perfetta per chi ama le grandi città, Toronto, Montreal, Quebec City, Ottawa, con ricchi centri storici, musei e locali, ma anche per chi cerca paesaggi sconfinati immersi nella natura. I parchi naturali in questo territorio sono veramente numerosissimi, nel documentarmi per scegliere il nostro tour ne ho contati almeno una quarantina. Nel Canada orientale potrete trovare infatti 6 delle 10 più popolose città canadesi, nel top della lista Toronto, ma anche piccoli villaggi formati solamente da 3 case dalle pareti di legno bianco e i tetti colorati affacciate sul mare o sul fiume.

Se avete scelto come meta il Canada sicuramente sarete amanti della natura, degli animali e degli spazi verdi ed infiniti, la vita da spiaggia non fa parte di questo tour, però potrete comunque sempre fare un bel tuffo in uno dei numerosi laghi balneabili che incontrerete strada facendo (i nostri cuccioli appena hanno potuto vi si sono praticamente buttati dentro quasi vestiti). Ma il Canada è anche luogo di colonizzazione, di conflitti fra inglesi e francesi, troverete infatti moltissimi forti, ricostruzioni di antichi villaggi di coloni o musei per tutti i gusti.

Scegliere l’itinerario per questo tour non è stato semplice, purtroppo avevamo solo 16 gg effettivi per visitare e i luoghi da vedere erano veramente moltissimi.

Per decidere l’itinerario abbiamo passato ore e ore a leggere diari di viaggio di altri blogger, i siti delle varie attrattive, quelle dei parchi, in particolare Parks Canada e National Parks Sepaq  e le immancabili guide cartacee…ma ecco le nostre principali tappe!

 

Itinerario di viaggio nel Canada Orientale

 

L’itinerario è valso 4900 km in auto e ha previsto l’utilizzo di un traghetto da Rimouski a Forestville per attraversare il San Lorenzo, partenza e ritorno su Toronto.

Di seguito sono riportate le principali tappe, per i dettagli di musei e parchi seguiranno altri articoli.

  • Arrivo a Toronto, notte a Kingston. Abbiamo fatto un po’ di spesa nel primo Walmart trovato.
  • Kingston: visita al Penitenziario, Bellevue House, giro della cittadina storica, battello per la visita delle 1000 isole. Notte a Gananoque
  • Torre di avvistamento a Ivy Lea per vedere dall’alto le 1000 isole, Fort Wellington, arrivo a Ottawa, giro della città e visita al Museo della guerra, notte a Repentigny.canada orientale itinerario
  • Parc de la Maurice, siamo entrati dall’unica entrata aperta durante la nostra visita, Saint Mathieu, il parco si trova in Ontario. Qui abbiamo percorso a piedi vari sentieri ed approfittato del caldo per fare il bagno al lago. Vi parleremo più nel dettaglio dei parchi in uno specifico racconto. Notte a Saint Elie.
  • Quebec City è sicuramente la città che ci sia piaciuta di più in questo on the road nel Canada Orientale, purtroppo abbiamo trovato brutto tempo, ma abbiamo comunque girato a piedi per la città vecchia, visto l’imponente Chateau Frontenc, ammirato il panorama sul San Lorenzo dalla Terrasse Dufferin e passeggiato sotto la pioggia in Rue du Petit Champlain, visitato all’interno la Cittadella. Per salire da Rue du Petit Champlain alla Terrasse Dufferin abbiamo preso la funicolare (3,50$ a corsa). Visita a Fort Levis,  Notte a Levis
  • Pointe au père, qui è possibile rilassarsi sulla spiaggia e visitare tre siti interessanti che fanno parte del sito storico marittimo di Pointe au Père: il Museo Empress of Ireland, il faro e il sottomarino Onondaga. Noi siamo saliti sul faro, il più alto del Canada, e abbiamo visitato il sottomarino. Esiste un biglietto cumulativo che permette di visitare queste attrazioni più il Museo Empress of Ireland. Noi qui abbiamo trovato parecchia coda e siamo riusciti solo a vedere 2 attrazioni, le prime citate, molto carine entrambe. Per salire al faro si sale a gruppi di 14, c’è una scala a chiocciola per arrivare in cima, e si scende dopo max 10 min. L’interno del Sottomarino è visitabile con il supporto di una audioguida in lingua inglese o francese. Notte a Rimouski
  • Parc Du Bic, il parco è situato nell’estuario del San Lorenzo in Quebec, nella penisola della Gaspé. Stupende le baie, le insenature, l’atmosfera rilassante che si respira, anche in questo parco abbiamo percorso tre trekking.  Notte a Sainte Anne des Monts
  • Parc de la Gaspésie, si trova in Quebec, nell’omonima penisola, in questo parco si respira più un’aria di montagna, tanti trekking, ma decisamente più impegnativi per i bimbi. Notte a Sainte Anne des Monts
  • Parc du Forillon e Pérce  Il Forillon si trova in Quebec, all’estremità della penisola di Gaspé, nelle sue vicinanze partono diversi tour per avvistare le balene o le foche, che si riescono però facilmente a vedere anche in alcuni punti panoramici del parco.                                                                
    Per chi vuole visitare un faro, usciti dal settore nord del Parc du Forillon, ce ne è uno a Cap des Rosiers ed è visitabile.
    Percé è un paesino molto carino nella penisola di Gaspé, ha tanti ristorantini e un bel parco giochi vicino alla via principale, purtroppo noi ci siamo finiti in un giorno di diluvio universale. Da qui parte il traghetto per Ile Bonaventure, noi dato il pessimo tempo e il mare mosso abbiamo evitato il giro. Notte a Gaspé
  • Parc du Forillon Visto il pessimo tempo del giorno prima abbiamo deciso di lasciarci il trekking più lungo, fino al promontorio di Cap Gaspé, per il giorno successivo. E il nostro ritorno al parco è stato fortunato, abbiamo infatti avuto la super fortuna di incontrare orso mamma e due cuccioli vicinissimi a noi, sulla strada asfaltata subito dietro a Grande Grave.
    Notte a Rimouski.
  • Traversata San Lorenzo, noi abbiamo fatto la tratta Rimouski Forestville che dura circa un’ora, bisogna presentarsi al molo 45 min prima. Si paga direttamente a bordo, ma occorre prenotare in anticipo per trovare posto, il nostro traghetto caricava solo 30 macchine per volta, 3 giri al giorno. Sul traghetto c’è un bar con qualche cibaria e se si è fortunati si possono avvistare balene lungo la traversata. Arrivati all’altra sponda del San Lorenzo, per vedere le balenottere, abbiamo fatto il giro a piedi Pointe de l’Islet a Tadoussac,1,3km, qui potrete rilassarvi sugli scorci, godere di paesaggi bucolici sulla baia e con un po’ di fortuna vedere balenottere che volteggiano vicino agli scogli. Tadoussac è un carino paesino con localini, botteghe e dove partono varie escursioni per vedere i cetacei. Notte a Les Escoumins.

  • Parc marin du Saguenay Saint Laurent. Il Parco marino è un luogo protetto e ricco di moltissime balene e foche che passano nella baia o ci vivono regolarmente. Noi abbiamo deciso di non prendere traghetti e gommoni x vedere le balene, le avevamo già viste molto bene in New England, abbiamo perciò deciso di toccare i vari punti di avvistamento e devo dire che è andata molto bene. Abbiamo visto tanti beluga e balenottere, alcuni anche parecchio vicini, ve ne parleremo meglio nel post sui parchi. Anche dalla chiatta che attraversa il fiume da Tadoussac a Baie Saint Catherine si possono vedere.
    Notte a Sainte Anne de Beaupré
  • Canyon Sainte Anne e Parc de la Chaute Montmorency. Per visitare il Canyon c’è un percorso strutturato da seguire con punti di osservazione sul Canyon e ponti sospesi. La zona è abbastanza pianeggiante nella prima parte, per scendere fino al mini canyon c’è invece una scalinata ripida di 187 gradini.
    Prima di iniziare il tour del Canyon c’è un’ area pic nic con tavoli, un parco giochi, un ristorante, un negozio di souvenir e percorso per bambini. Possibilità anche di esperienze adrenaliniche in volo sopra il canyon.
    Il ponte, per chi soffre le altezze non è il max,  essendo sospeso un minimo si muove camminandoci sopra,  ma è comunque ampio e abbastanza corto.
    Tempo necessario per visitare l’area all’incirca un’oretta e mezza.
    Chute Montmorency, si trova a pochi km da Quebec, noi siamo entrati dal Manoir Sector, abbiamo parcheggiato l’auto su una stradina evitando così di pagare il parcheggio. Abbiamo fatto il Cottage Trail con il ponte sospeso sopra la cascata e siamo scesi dalla panoramic staircase, ci siamo fermati qualche minuto sul promontorio per le foto di rito, con annessi schizzi della cascata per la gioia dei bambini, e fatto la promenade de la Chute. Per risalire abbiamo preso la cable car facendo il biglietto nel negozio del terminal. Il parco ha aree pic nic e diversi parco giochi, negozietti, ristorante e bar. Anche qui zipline per i più coraggiosi. Notte a Cornwall
  • Niagara Falls. Le Cascate del Niagara sono tre, Horseshoe Falls, Goat Island e Bridal Veil Falls. Noi abbiamo fatto il tour, di circa 20 minuti, con Hornblower, che permette di vederle dall’acqua e di arrivare fin sotto i loro potenti getti d’acqua. E’ un’esperienza assolutamente da fare, lì tocchi veramente con mano la loro immensa potenza. La zona di Niagara Falls è un’area molto turistica, vi è una zona della città, Clifton Hill, con locali di ogni tipo, luna park, ruota panoramica…preparate il portafoglio tutte le attrazioni sono parecchio costose.
  • Niagara on the Lake, è una piccola cittadina a circa 20 km da Niagara Falls, molto carina la Main street con botteghe, casette vittoriane ed aiuole molto curate, qui potrete vedere anche il lussuoso Prince of Wales Hotel dove dormì la Regina Elisabetta. Nei dintorni è possibile visitare varie cantine e assaggiare del buon vino che viene prodotto in questa zona. A Niagara on the lake è possibile visitare anche Fort George, ve ne parleremo nell’articolo specifico sui forti.

 

Canada Orientale, suggerimenti

 

  • Tour in barca da Kingston bellino, ma gli scorci migliori per noi si hanno prendendolo da Ivy Lea o Gananoque.
  • A Quebec City, vicino alla basilica Notre Dame de Quebec, si trova un carinissimo negozio di articoli natalizi, “La boutique de Noel”.
  • Per ammirare Quebec City e Chateau Frontenac dall’altra sponda del San Lorenzo vi consigliamo di andare verso il tramonto nella terrazza che si trova alla fine di Rue Henry a Levis.
  • Zanzare e company, noi non ne abbiamo trovate tante o per lo meno da noi a casa ce ne sono molte di più, autan o simili per noi sono stati sufficienti.
  • Animali, noi li abbiamo visti o la mattina presto o la sera e spesso in posti improbabili. Una puzzola in un’aiuola di Niagara Falls, attaccati al Casino, orso mamma e cuccioli al Forillon, nella strada principale ed asfaltata del parco proprio a pochi metri del Grande Grave.
  • Per passare da Tadoussac a Baie Sainte Catherine occorre prendere una chiatta che fa la traversata della baia 24 ore su 24, è gratis e il viaggio dura circa 10 minuti. Si può scendere dalla macchina e spesso le balene nuotano proprio intorno alla chiatta.
  • Per la Chaute Montmorency, se avete bimbi piccoli  e necessitate del passeggino o avete problemi di deambulazione prendete la cable car così non dovete fare le scale.
  • Cascate del Niagara, giro in battello. Vi consigliamo i tour del mattino intorno alle 9/9.30, sono un pochino meno affollati, infatti ci siamo guadagnati un posto in prima fila. Ci si bagna? Certo che sì, ma grazie all’impermeabile, fornito gratuitamente dal tour, solo viso e un pochino le braccia. Ho letto di tanti con le scarpe bagnate, beh noi avevamo i nostri soliti scarponcini e sono usciti asciutti.
  • Cascate del NiagaraOgni sera di agosto alle 22 a Niagara Falls, di fronte alle cascate, si tiene un bellissimo spettacolo pirotecnico.
  • A Niagara on the Lake abbiamo trovato un negozio  Walker’s Country Market che vende ottima frutta fresca, ma soprattutto squisite torte, quelle alle fragole o alle pesche erano spettacolari. Si trova in 15796 Niagara Pkwy.
Canada orientale, dove dormire

Ci sentiamo di consigliarvi alcune strutture che abbiamo utilizzato nel nostro tour, quelle più particolari e pulite…altre le tralasciamo che è meglio!

  • Kingston abbiamo alloggiato in un appartamento spazioso e pulito, Ron, il proprietario molto cordiale e gentile, Airbnb
  • Saint Elie. Gite le Lutin Marmiton, vicino al Parc de la Maurice, un vecchio refettorio della chiesa con stanze private e bagno in comune.
  • Sainte Anne des Monts. Auberge du Vieux Faubourg, vicino al Parco de la Gaspesie, bellissimo il portico vista fiume
  • Gaspé. Auberge De Douglastown, un ostello dai prezzi molto molto contenuti, ma pulitissimo e funzionale
  • Niagara on the Lake. Hilton Garden Inn, hotel un po’ più caro, ma pulito, con ottima colazione e piscina interna.
    canada orientale

    Foto di rito dopo la camminata per raggiungere Mont Ernest Laforce

     

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Se avete bisogno di suggerimenti per organizzare un viaggio nel Canada orientale contattateci, vi aiuteremo volentieri 🙂

Francesca e Paolo

 

 

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: