Famiglia tuttofare in viaggio

Slovenia ed Ungheria: consigli utili e costi

Un on the road fra Slovenia ed Ungheria in 8 giorni è fattibile?! Assolutamente si!

E vi diamo alcuni consigli e tappe imperdibili per organizzarlo.

budapest, slovenia, ungheria, on the road

Budapest

Slovenia ed Ungheria dall’Italia sono alla portata un po’ di tutti, soprattutto per chi vive nel Nord Italia. Lubiana, la capitale, dista solo un’ora dal confine italiano.

Per non fare un viaggio troppo impegnativo, partendo da Torino le ore per giungere in Slovenia sono circa 5, noi abbiamo deciso di dividere il nostro otr in tre tappe:

  1. prima tappa, 1 giorno in Slovenia a Lubiana con un passeggiata nel centro storico e lungo il fiume Ljublijana e una visita al Museo delle Illusioni.
  2. seconda tappa, 5 giorni in Ungheria a Budapest, con la visita delle più belle attrazioni sia di Buda sia di Pest, dal Castello, al Parlamento, al Bastione dei Pescatori.
  3. terza tappa, 2 giorni in Slovenia fra Postumia e Pivka, con la visita alle grotte di Postojna, al Castello di Predjama, al Park of Military History e all’Ecomuseo dei laghi intermittenti.

 

Del percorso in Slovenia ed Ungheria vi parleremo in modo dettagliato in vari post, qui volevamo darvi soprattutto consigli pratici!slovenia ed Ungheria, consigli, budapest, on the road

AUTOSTRADA:

  • Per entrare in Slovenia bisogna avere la vignetta, una tassa autostradale che si può acquistare, oltre che on line, direttamente presso gli autogrill che si incontrano poco prima di entrare in Slovenia. La vignetta va staccata ed incollata al parabrezza interno del veicolo ed ogni volta che vi troverete a passare presso un casello autostradale le telecamere presenti “leggeranno” la vostra vignetta facendo alzare la sbarra del casello. Oltre che con telecamere vi sono posti di blocco che controllano il possesso, costa 30 euro per un mese, ma vi è anche quella per una settimana che costa molto meno.
  • In Slovenia oltre al triangolo e al giubbino catarinfrangente è obbligatorio anche possedere in auto un kit pronto soccorso e luci di ricambio.
  • Non fate il pieno all’ultimo distributore di benzina italiano in quanto appena entrate in Slovenia troverete parecchi autogrill dove fare rifornimento spendendo meno che in Italia. La benzina costa infatti al litro circa 1,20 euro
  •  Anche per l’Ungheria  è obbligatoria la vignetta per l’autostrada, noi l’abbiamo fatta sempre all’ autogrill prima del confine con la Slovenia, costa 13 euro per 10 gg., a differenza di quella slovena non va appiccicata al parabrezza ma va tenuta insieme al  libretto di circolazione.
  • Importantissimo, rispettate i limiti  di velocità, telecamere, tutor e auto della polizia “nascoste” dietro collinette non mancano.

SOLDI:

  • In Slovenia la moneta è l’euro, vengono anche accettate le normali carte di credito, Amex, Mastercard…
  • In Ungheria la moneta è il fiorino ungherese, il cambio è 310 HUF: 1 EURO. Vi conviene cambiare i soldi prelevando dagli sportelli bancomat delle banche con carte o bancomat stesso, non ovunque prendono le carte di credito o gli euro ( o il cambio è parecchio svantaggioso) perciò occorre avere una piccola scorta di moneta locale.

PARCHEGGI:

Sia a Lubiana sia a Budapest non sono semplici da trovare ma soprattutto tutti a pagamento.

A Budapest, i parcheggi nelle principali vie sono tutti a pagamento, ma soprattutto per solo tre ore consecutive, se avete in mente lunghe visite valutate di lasciare la vettura nei parcheggi coperti e più cari, ma calcolate che se sforate l’orario di parcheggio in strada la multa è assicurata! A seconda delle aree, il parcheggio è a pagamento dalle 8.30-18 o 8.30-20. Fate scorta di monete per pagare al parchimetro. Sappiamo che ci sono anche zone di parcheggio libero, ma noi non siano riusciti a trovarle >.<.

CIBO:

In entrambe troverete di tutto e di più per ogni palato, compreso quello dei bambini.

Dal cibo locale a quello italiano, prezzi simili a quelli italiani.

Assolutamente immancabile da provare il Goulash ungherese.slovenia ed ungheria, goulash

SICUREZZA:

Entrambe le zone a noi sono apparse sicure, certo non abbiamo vagato in stradine buie di notte e tenute le normali precauzioni di quando si sta in una città, ma ci siamo sempre sentiti tranquilli.

ABBIGLIAMENTO in inverno:

Noi siamo partiti super attrezzati, con tanto di tute da sci in caso di necessità, ma in realtà le temperature sono state ampiamente clementi.

Stando molto in giro ci siamo attrezzati con intimo termico di Dechatlon, scarponcini caldi, berretto, sciarpa e guanti d’obbligo ed abbigliamento a cipolla per non morire di caldo nei musei e ristoranti.

DORMIRE:

Questa volta abbiamo optato per l’affitto di appartamenti, affidandoci a Airbnb e a Booking, una soluzione decisamente più economica con anche il comfort di poterci cucinare noi qualcosa risparmiando un po’ sui pasti.

In media il costo a notte si è aggirato sui 70 euro, il consiglio è di controllare sempre le recensioni degli altri clienti e non fare come noi la cavolata di fidarci di un host appena entrato nel circuito e senza stelle, assolutamente bocciato per la pulizia dell’alloggio!

Vi consigliamo due strutture:

  • A Budapest, tramite airbnb abbiamo soggiornato al Spacious Modern Apt su Andrassy Blvd, un appartamento pulito, confortevole, in un’ottima zona, vicino al centro e alla metro. L’Host è gentile e super disponibile.
  • Per le visite a Pivka e Postjonia abbiamo soggiornato al Turisticna Kmetija Pri Malnarijevih a Slavina, un appartamento pulito, ben arredato, con una proprietaria disponibile, attenta e che parla anche italiano. Colazione compresa nel pacchetto. L’appartamento dista solo 10 min di auto dalle varie attrattive.

DOCUMENTI E SANITA’

Slovenia ed Ungheria fanno parte dell’Unione Europea pertanto basta carta d’identità come documento valido e tessera Team nel caso di visite mediche d’urgenza. Se volete una protezione sanitaria in più e la possibilità di rientro in Italia in caso di grave necessità, valutate di fare una polizza sanitaria a pagamento, di solito noi ci affidiamo a Columbus.

TELEFONO:

Non vi sono più costi aggiuntivi per roaming all’ interno dell’Europa. Si utilizza il proprio piano tariffario come se vi trovaste in Italia.

COSTI per 8 gg e per 4 persone (2 adulti e 2 bimbi di 4 e 7 anni) fra Slovenia ed Ungheria:

  • Dormire: 460 euro
  • Mangiare: abbiamo cenato in appartamento per risparmiare portando da casa un po’ di pasta, sughi e frutta, pranzi invece per localini spendendo circa 30 a pasto (ordinando sempre tre porzioni di cibo e bevande)
  • Attrazioni: 350 circa, compresa la Budapest card
  • Benzina: cambia per molti fattori ma noi, dal nord ovest, abbiamo speso a/r 220 circa
  • Autostrada: vignette 43 euro + 100 a/r pedaggio in Italia
  • Parcheggio: circa 50

Volete qualche info in più per organizzare un viaggio itinerante?! Alcuni consigli li potete trovare in questo POST

Dubbi o domande? Scriveteci 🙂

Non perdetevi i nostri prossimi post sul viaggio in Slovenia ed Ungheria.

Francesca&Family

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: