Famiglia tuttofare in viaggio

Croazia: i laghi di Plitvice, il villaggio dei mulini a Rastoke e un tocco di mare a Senj

Se di fronte al talento, all’ingegno e alle abilità artistiche dell’uomo si rimane affascinati, è di fronte alla potenza e perfezione della natura che si rimane estasiati!
Oggi vi portiamo con noi in Croazia e più precisamente a fare un “tuffo” nelle acque cristalline e dalle 1000 sfumature di verde dei laghi di Plitvice. Esplorando con voi anche le attrazioni che si trovano a poca distanza dai laghi.  Vi parleremo di Rastoke, a Slunj, luogo conosciuto per i suoi mulini e cascate e di Senj, una piacevole località sul mare.

laghi di Plitvice

Rastoke

Il nostro viaggio fa parte di un tour itinerante fra Croazia e Bosnia nel mese di aprile con 2 bimbi di 6 e 8 anni. Per informazioni sul’organizzazione generale leggete: Croazia e Bosnia: consigli utili e costi.

I Laghi di Plitvice

Il Parco nazionale dei laghi di Plitvice, Plitvicka Jezera, è una riserva forestale caratterizzata dalla presenza di 16 laghi terrazzati (12 superiori e 4 inferiori) uniti da cascate. Si trova in Croazia a circa 250 km dal confine con l’Italia.

Il Parco si suddivide in due parti: la parte superiore ricca di cascate e immersa nella foresta e quella inferiore con laghi più piccoli, numerose passerella sull’acqua e una vegetazione meno rigogliosa.

Come visitare i laghi di Plitvice in una giornata

Per noi è sufficiente un’intera giornata per visitarli. Il costo del biglietto giornaliero, soprattutto in alta stagione, è abbastanza elevato, in un giorno si riesce tranquillamente a visitare tutto con tranquillità.

Noi abbiamo scelto il percorso H, tempo stimato di visita da 4 a 6 ore circa, 9 km da fare, iniziandolo dal parcheggio 2.

Abbiamo fatto il piccolo percorso a piedi che porta all’entrata Ulaz entrance 2, qui (st2) abbiamo preso il trenino su ruote che porta fino alle prime passerelle, in zona ST3. Da qui si costeggiano i laghi in un percorso pianeggiante, facile da percorrere, che offre stupendi scorci su queste verdi conche naturali. Seguendo il percorso H indicato da chiari cartelli lungo il tragitto arriverete fino alla zona in cui è possibile prendere il traghetto (zona P2) che attraversa tutto il lago in circa 20 minuti e porta al punto P3, la zona dei laghi inferiori. Da qui vi suggeriamo di continuare il tragitto fino al punto St1 dove prenderete il trenino che vi porterà all’entrata 2. Durante questo tragitto vi suggeriamo di fare una deviazione per vedere la grande cascata Veliki Slap. E’ tutto ben segnalato lungo il tragitto.

Questo percorso è in prevalenza pianeggiante e in discesa pertanto si presta bene anche con bambini. I nostri sono buoni camminatori, ma se avete bimbi che non amano troppo camminare forse conviene separare in due giornate la visita dei laghi. Il mio consiglio è di studiarsi bene prima il tragitto da fare, sia per non perdere tempo sia per non camminare tantissimo in parti non troppo significative.

Biglietti

Noi ci siamo scordati di fare i biglietti on line, ma vi consigliamo di farli dal sito ufficiale, almeno 2 giorni prima della data. Consentono di andare direttamente alle entrate e di non dover fare eventuali code in biglietteria. Ad aprile, durante le vacanze di Pasqua, dall’entrata due c’era un po’ di coda, ma non esagerata. I biglietti serviranno se si vorrà prendere trenino o traghetto perciò conservateli bene. Il costo del biglietto varia a seconda del periodo, noi ad aprile abbiamo pagato 250 kn  per due adulti e due bimbi di 8 e 6 (minori di 7 anni non pagano).

Consultate il sito ufficiale per i prezzi degli ingressi nel periodo che vi interessa ed acquistare i biglietti on line.

Consigli utili sui Laghi di Plitvice

Fortemente sconsigliato l’uso di passeggini, le passerelle sono strette e anche con  gradini, l’ideale con bimbi piccoli è il marsupio, sia per un’evidente praticità, ma anche per un discorso sicurezza, le passerelle non hanno in molti punti staccionate protettive.

Da portare pranzo al sacco e acqua, le uniche zone di ristoro sono all’entrate e vicino ai parcheggi o alla zona attracco battelli.

Vi suggeriamo un paio di scarpe comode e chiuse visti i tanti km da macinare e per una maggior sicurezza soprattutto se è piovuto nei giorni precedenti, le passerelle potrebbero essere scivolose.

Noi abbiamo visto minor coda entrando dall’entrata 2 soprattutto nel prendere trenino e battello, nel giro inverso al nostro le code erano veramente lunghe soprattutto nel pomeriggio.

Arrivate all’orario di apertura per poter godere dei laghi con meno visitatori possibili, sono veramente molte le persone che visitano i laghi in tutte le stagioni..

Non si può nuotare nei laghi di Plitvice.

Parcheggio dell’ingresso 2: abbiamo pagato 50 kune, circa 6,50 euro, per tutta la giornata.

La cartina del parco è a pagamento, sinceramente non la trovo fondamentale. Ci sono grossi pannelli con cartina in vari punti del parco, basta una foto e via 😉

Dove dormire vicino ai Laghi di Plitvice

Noi abbiamo soggiornato a Brocanac in una piccola casa a pochi km dai laghi prenotata tramite booking, Apartment Valentina, 32 euro a notte.

La scelta di alloggi di privati in affitto è veramente molto elevata. Sono però anche moltissime le persone che visitano i laghi in ogni stagione, perciò vi consiglio di prenotare in anticipo da casa.

Dove mangiare nei dintorni dei laghi di Plitvice:

 

  • Da Petro a Rastoke, un ristorante situato in un’ottima posizione sull’acqua, cibo e prezzi buoni.
  • Licka Kuca, vicino al parcheggio dei laghi di Plitvice dall’entrata 1
  • Restoran Degenija a Rakovica, a pochi km dai laghi

 

 

Cosa vedere nei dintorni dei Laghi di Plitvice:

 

  • Visitare Rastoke, il centro storico di Slunj. Un piccolo borgo fiabesco fra cascate, laghetti, passerelle e mulini ad acqua. Case di legno e pietra costruite fra questi specchi d’acqua rendono il luogo un posto romantico e fuori dal comune. Possibilità di visitare un mulino.
  • Una fuga al mare a Senj. Se avete voglia di una giornata al mare, vi consigliamo una visita alla deliziosa città di Senj. Una bella passeggiata sul lungomare e una visita al simbolo della città, la fortezza di Nehaj. Si trova a circa un’oretta abbondante di auto dai laghi di Plitvice. La strada che collega i Laghi a Senj passa da Otocac, qui sono ancora evidenti in diverse case i segni della guerra.
  • Visitare il rifugio degli orsi a Kuterevo, un’attrazione che dista solo una quarantina di minuti dai laghi. Non è uno zoo,infatti non si paga nessun ingresso, ma un luogo dove vengono ospitati orsi che non possono tornare a vivere in cattività.Ve ne abbiamo parlato in questo articolo.

Francesca

Grazie a Elvy per i suggerimenti sui ristoranti.

 

 

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: